Giovedi, 28 gennaio 2021

TikTok, Garante Privacy: a rischio la tutela dei minori




Scarsa attenzione alla tutela dei minori, divieto di iscrizione ai più piccoli facilmente aggirabilepoca trasparenza e chiarezza nelle informazioni rese agli utenti, impostazioni predefinite non rispettose della privacy”. Sono queste le principali violazioni che il Garante Privacy ha contestato a TikTok, il social utilizzato dai più giovani, che consente di creare, condividere e commentare brevi video.



Sulle problematiche poste da TikTok è in corso un’attività nell’ambito del Comitato che riunisce le Autorità europee, ma il Garante ha avvertito l’urgenza di aprire comunque un procedimento formale nei confronti del social network a tutela dei minori in Italia. La società avrà 30 giorni per inviare memorie difensive e chiedere eventualmente di essere sentita.



TikTok, l’indagine del Garante Privacy



Secondo quanto rilevato dall’istruttoria avviata dall’Autorità nel mese di marzo, una serie di trattamenti di dati effettuati dal social network appaiono non conformi al nuovo quadro normativo in materia di protezione dei dati personali.



“L’informativa rilasciata agli utenti – sottolinea inoltre il Garante – è standardizzata e non prende in specifica considerazione la situazione dei minori, mentre sarebbe necessario creare un’apposita sezione dedicata ai più piccoli, scritta con un linguaggio più semplice e con meccanismi di alert che segnalino i rischi ai quali si espongono”.