Martedi, 20 novembre 2018

Facebook lancia una piattaforma contro il bullismo




Saper gestire gli amici, segnalare i post non corretti e soprattutto scegliere con chi condividere i propri. Sono solo alcuni dei suggerimenti di Facebook per la sicurezza.

Per chiarire come e quando, il social network ha aggiornato il Centro per la sicurezza lanciando anche una Piattaforma di prevenzione contro il bullismo. Lo strumento era, in realtà, stato creato nel 2013 dal Yale Center for Emotional Intelligence, ma grazie a quasi 50 partner in tutto il mondo è stato resa disponibile a tutti. È disponibile in oltre 50 lingue, è ottimizzato per dispositivi mobili e include video con istruzioni dettagliate.

Un’attenzione anche ai grandi

Anche i genitori potranno accedere a dei suggerimenti su come reagire se il proprio figlio è una vittima o un bullo. Il social network, inoltre, ha una sezione dedicata agli educatori nel caso abbiano problemi con i propri studenti con una speciale scheda sulla prevenzione del bullismo nelle scuole. Con l’aggiornamento del centro di sicurezza Facebook ha consigliato gli utenti, tramite dei video, su come proteggere al meglio il proprio accesso, le modalità di segnalazione in caso di pubblicazioni inaproppiate, chi può vedere i post e come usare gli strumenti disponibili al meglio. Le novità sono disponibili fin da subito ed hanno l’obiettivo di incrementare il livello di sicurezza della privacy.

Un vademecum in 5 punti

Sono cinque i consigli di Facebook per tenere d’occhio la sicurezza, disponibili anche in video:

1) Proteggi il tuo accesso (per evitare che il profilo sia vittima di hacker)

2) Facci sapere quando vedi qualcosa che non dovrebbe essere su Facebook (per inviare segnalazioni)

3) Sii consapevole del pubblico con cui condividi i contenuti (per scegliere con chi condividere in contenuti)

4) Controlla chi può taggarti nei post (cioè approvare o rifiutare le menzioni degli amici)

5) Usa i controlli a tua disposizione (una guida che insegna come far vedere i propri contenuti solo alle persone che desideriamo li vedano)

Corte UE: i gestori dei siti web possono conservare indirizzi IP (HelpConsumatori.it)